Swascan

Infrastrutture critiche in Italia a rischio, il report Swascan

È online il Cyber Risk Indicators Report: Infrastrutture Critiche in Italia, di Swascan, parte del polo Tinexta Cyber, che, attraverso la sua piattaforma proprietaria di Cyber Threat Intelligence, ha analizzato il livello di resilienza cyber di 20 infrastrutture critiche italiane presenti nei settori Energia, Trasporti, Pubblica Amministrazione Centrale e Sanità.

Rischio cyber per le infrastrutture critiche


L’impatto dei cyber attacchi alle infrastrutture critiche

I cyberattacchi alle infrastrutture critiche possono causare impatti economici e sociali di massa. Possono creare grande instabilità, soprattutto quando a essere presi di mira sono i sistemi e le reti che consentono le nostre attività quotidiane. I cyberattacchi perpetrati contro le infrastrutture critiche, quindi, diventano un’altra potentissima arma di interruzione di massa.

Un’interruzione dei servizi essenziali, infatti, anche se breve, può occupare significative risorse civili e militari in una regione o in un intero paese. In questo nuovo ambiente di minacce, più che mai abbiamo bisogno di aumentare e sfruttare le partnership tra governo e settore privato per mitigare e neutralizzare queste minacce informatiche.

Le vulnerabilità rilevate sul campione di infrastrutture critiche

Swascan, durante l’analisi condotta dal SOC team, ha identificato 2.085 vulnerabilità, nel campione di infrastrutture critiche sotto esame, afferente agli ambiti dell’energia, dei trasporti, della pubblica amministrazione centrale e della sanità.

Tra queste, considerando la singola struttura, il 94% presenta un grado di severity media o alta.

L’esposizione ai rischi legati al Social Engineering

L’analisi Social Engineering ha permesso di individuare 52555 email compromesse, con una media di 2628 mail per dominio analizzato.

Il commento del Presidente del COPASIR Adolfo Urso

Adolfo Urso, Senatore della Repubblica e Presidente del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica (COPASIR), ha così commentato la diffusione del report sui rischi cyber per le infrastrutture critiche.

La Russia è il Paese più attrezzato al mondo per la guerra cibernetica, dobbiamo quindi alzare il livello di guardia, anche attraverso una migliore e più puntuale informazione per estendere le resilienza del Paese, come fa questo rapporto che identifica le principali vulnerabilità in settori strategici del Paese”

Vuoi saperne di più su Swascan e su tutte le realtà del polo Tinexta Cyber? Contattaci